Sua Maestà il Prosciutto di Parma. Il grasso si mangia o no?

Non c’è parmigiano che non riconosca ad occhi chiusi l’aroma e la meravigliosa dolcezza del Prosciutto di Parma, uno dei tanti prodotti di eccellenza del nostro territorio.

Il crudo, come lo chiamiamo noi, nasce tra le colline a sud della nostra città dalla coscia di maiale, lavorata con il sale e stagionata con il vento, dolce ed asciutto, che regala a questa zona le condizioni climatiche ideali per la stagionatura naturale del prosciutto.

Il Prosciutto di Parma va sempre affettato con l’affettatrice, ed ogni fetta deve essere sottile come un foglio di carta. Il grasso che si trova sotto la cotenna viene eliminato solo in piccola parte dal salumiere esperto, per preservare l’inconfondibile dolcezza e sapore del prosciutto.

Per gustarlo al meglio, almeno la metà del grasso deve essere lasciata e credete a noi, il sapore è davvero ancor più sublime!

Vɪ ɪɴᴠɪᴛɪᴀᴍᴏ ᴀ ɢᴜsᴛᴀʀᴇ ɪʟ ɴᴏsᴛʀᴏ Pʀᴏsᴄɪᴜᴛᴛᴏ ᴅɪ Pᴀʀᴍᴀ, ᴀᴘᴘᴇɴᴀ ᴀғғᴇᴛᴛᴀᴛᴏ! 😋😋

(𝑝ℎ𝑜𝑡𝑜 𝑐𝑟𝑒𝑑𝑖𝑡 𝐶𝑜𝑛𝑠𝑜𝑟𝑧𝑖𝑜 𝑃𝑟𝑜𝑠𝑐𝑖𝑢𝑡𝑡𝑜 𝑑𝑖 𝑃𝑎𝑟𝑚𝑎)

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Oggi TRIPPA!

!
Widget Didn’t Load
Check your internet and refresh this page.
If that doesn’t work, contact us.